TaxMan
Il presente e il futuro del lavoro

Pubblicato da TaxMan il 7 Gennaio 2020

Web Designer in Regime Forfettario – Flat Tax 2020

Regime forfettario Web Designer

Se hai iniziato da poco a fare il web designer o vuoi sfruttare i benefici della flat tax nel regime forfettario per web designer, sappi che nel 2020 puoi fatturare fino a 65.000 euro annui e rientrare nella tassazione agevolata.

Puoi scoprire come funziona il regime forfettario leggendo qui la nostra guida. Partiamo dall’inizio, come aprire la partita IVA in regime forfettario per web designer.

Flat Tax web designer: coefficiente di redditività e codici ATECO associato

Quando aprirai la partita IVA nel forfettario, ti verrà chiesto di scegliere un codice ATECO. Quelli più comuni per web designer sono i seguenti:

74.10.21 – Attività dei disegnatori grafici di pagine web designer/graphic designer per il web

74.10.29 – Altre attività dei disegnatori grafici (graphic designer e illustratore

Il coefficiente di redditività previsto per web designer è del 78%.

Quali sono i requisiti per accedere?

Innanzitutto c’è il limite dei ricavi annui, che non possono superare i 65.000 euro. Altre cause di esclusione sono le seguenti:

  1. Possesso di quote in srl che svolgano attività comparabili o simili a quelle svolte con la p.iva forfettaria.);
  2. Non potrai applicare il Regime forfettario 2020, se eserciti la tua attività prevalentemente o esclusivamente nei confronti di datori di lavoro con i quali sono in corso o erano intercorsi rapporti di lavoro dipendente nei due anni precedenti.
  3.  Non è possibile rientrare in regime forfettario se si percepiscono redditi da lavoro dipendente superiori a 30.000 euro annui
  4.  Se l’ammontare complessivo delle spese per lavoro accessorio, lavoratori dipendenti, collaboratori, utili agli associati in partecipazione, prestazioni di lavoro dell’imprenditore o dei suoi familiari, non superiore a 20mila euro lordi

Imposta sostitutiva

Per i primi 5 anni di attività potrai usufruire dell’imposta sostitutiva al 5%, che diventa poi 15% a partire dal sesto anno.

Regime forfettario web designer: esempio pratico

Facciamo un esempio pratico di come si calcolano le imposte per un web designer:

Esempio

Attività: Web Designer

Coefficiente di redditività: 78%

Ricavi conseguiti: 60.000 euro

Reddito imponibile: 46.800 euro (60.000 X 78%)

Imposta sostitutiva al 5%: 2.340 euro (46.800 X 5%)

 

Regime forfettario web designer: contributi INPS Gestione Separata

Ogni web designer è tenuto poi all’iscrizione all’INPS Gestione Separata, che nel 2018 era pari al 25.72%. Se vuoi simulare la tassazione di un web designer in regime forfettario, scarica gratis TaxMan e prova la app per un mese senza pagare, ti fornirà una simulazione accurata della tassazione.

 

 

#calcolo tasse#commercialista#consulente#flat tax#forfettario#freelance#grafico#illustratore#partita iva#tasse#ux/ui#web design